“Il linguaggio dello spazio è molto forte. Quando si entra in un nido o in una scuola, traspaiono i messaggi che manda lo spazio, le scelte che sono alla base del progetto educativo e le convinzioni che gli adulti hanno sull’apprendimento e sul benessere del bambino” (dal “Il parco che vorrei”, Camina)

 

Il nido d’infanzia deve essere una struttura particolarmente sensibile agli aspetti “spaziali” della vita quotidiana del bambino. Lo “spazio” è inteso quale luogo che promuove e favorisce l’accoglienza, il benessere e l’integrazione di chi lo abita.

 

L’organizzazione e la progettazione di spazi e arredi del nido devono quindi essere caratterizzati da una complessità di elementi che tengano conto di luci, colori, elementi olfattivi, visivi, sonori e tattili, per rispondere alla complessità stessa dei bambini in crescita, senza perdere di vista gli aspetti fondamentali in materia di sicurezza.

 

Ogni sezione è tinteggiata con colori tenui di pastelli diversi; la pavimentazione è in laminato 8 mm di alta qualità. Il controsoffitto è realizzato con pannelli ignifughi rimovibili e ispezionabili.

 

Le pareti divisorie sono state realizzate in cartongesso ignifugo certificato e l'intero nido è dotato di sensori e rilevatori di fumo nel pieno rispetto della normativa anti-incendio. Sempre in virtù di tale normativa è stata aperta una ulteriore uscita di sicurezza REI con maniglione antipanico nella sezione dei piccoli, oltre a quelle già presenti nella zona di accoglienza e nella sezione dei medi-grandi..

 

Gli arredi sono stati scelti con cura e rispettano pienamente le più recenti norme in materia di sicurezza. La struttura è costituita da due grandi aule/sezioni divise in due ambienti polifunzionali per la didattica, e all'occorrenza dedicati al riposo.

 

Gli spazi sono strutturati attraverso “angoli” tematici delimitati da tappeti e arredi, nei quali i bambini sono in grado di leggere l'ambiente e scegliere in maniera autonoma l'attività da svolgere. Questi centri di interesse sono organizzati in modo che i materiali siano accessibili ai bimbi i quali potranno quindi lavorare in piccoli gruppi con la presenza non invadente dell'educatrice che osserverà intromettendosi il meno possibile tra i bambini e l'esperienza che stanno facendo. Questi piccoli spazi sono posti non solo a ridosso di pareti o angoli ma anche al centro dei saloni affinché lo spazio vuoto non venga letto dai bambini come una pista da corsa ma venga utilizzato come ulteriore risorsa educativa.

 

Potranno quindi spaziare dal gioco simbolico al travestimento, alla pittura, agli incastri, i travasi ecc...

Le educatrici avranno cura di mantenere sempre gli ambienti e i materiali in ottime condizioni e aiuteranno i bambini ad imparare ad averne cura e a rimetterli a posto a loro volta.

 

Nel nido è presente stabilmente una psicologa clinica che collabora attivamente con lo staff educativo nella progettazione delle attività e nell'osservazione dei bimbi relativamente alle diverse aree dello sviluppo. (per maggiori info clicca qui)

 

Le aule hanno un accesso diretto ai servizi igienici dei bambini affinché essi possano raggiungerli in piena autonomia, sotto la supevisione delle educatrici che possono controllare il bagno attraverso le porte o attraverso una finestrella appositamente aperta nella sezione dei piccoli.

 

All’interno della struttura sono presenti una cucina attrezzata per la preparazione e lo smistamento dei pasti, una zona adibita a lavanderia, uno spogliatoio per il personale e una segreteria.

 

Il Nido è dotato di un giardino di circa 350 mq in erba vera con alberi da frutto e attrezzato con giochi e arredi (altalene, un bruco-tunnel, scivoli, tavolo per i travasi di sabbia e acqua, angolo della pittura ecc.) predisposti come centri di interesse affinché i bimbi possano ritrovare anche all'esterno un ambiente con caratteristiche simili a quello interno. Sotto il grande albero di cedro è stato realizzato un percorso olfattivo costruito con piante aromatiche (menta, lavanda, rosmarino). È in progettazione anche un piccolo laghetto basso dotato di opportuna recinzione di sicurezza per accogliere i pesciolini rossi. Dalla sezione dei lattanti si accede a un ulteriore spazio esterno in erba sintetica, recintato e dedicato ai piccolissimi.

 

Tra le attività proposte dal nido merita particolare menzione il "progetto di continuità verticale nido - scuola dell'infanzia" che da quest'anno è partito con grande entusiasmo ed impegno in stretta collaborazione con i docenti dell'Istituto Comprensivo San Biagio Platani. Il percorso è parte integrante del progetto educativo e coivolge tutti i bimbi del nido che in diversi momenti dell'Anno Educativo si incontreranno con i bambini della scuola materna dell'I.C. e assieme a loro realizzeranno percorsi e progetti comuni secondo una programmazione idonea e condivisa.

 

Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci oppure, meglio ancora,  a venire a trovarci per visitare gli ambienti e conoscere lo staff.

 

 

 

 

 

 

 

Genitori, informatevi!

La maggior parte dei genitori iscrive il proprio bimbo all'asilo senza sapere se veramente lo sta iscrivendo a un NIDO.

 

Esistono infatti diverse tipologie di servizi per l'infanzia e non di rado succede che, ad esempio, una ludoteca lavori come nido pur non potendolo fare!

 

Ma quali sono le differenze?

 

L'asilo nido e il micronido sono servizi dedicati ai bimbi da 3 a 36 mesi, hanno per legge una cucina interna per i pasti (che non possono arrivare tramite catering esterni!) e garantiscono fasce orarie di permanenza anche lunghe. Gli ambienti interni ed esterni sono strutturati secondo normative molto rigide che ne garantiscono la perfetta idoneità per i piccoli che devono ospitare. 

 

Lo Spazio Be.Bi. può accogliere bambini dai 18 ai 36 mesi, per un turno giornaliero (mattina o pomeriggio) di massimo 5 ore e SENZA PRANZO. Lo spazio Be.Bi. infatti non può cucinare pasti ne' farli arrivare tramite i catering.  

 

La Ludoteca è invece riservata a bambini e ragazzi dai 3 ai 13 anni, coinvolgendoli in giochi, laboratori e progetti senza pranzo e senza il momento del sonno.

 

Informatevi quindi bene prima di iscrivere il vostro bimbo e fatevi qualche domanda se le rette richieste dalla struttura sono eccessivamente basse rispetto alla media!

 

Per maggiori informazioni potete consultare il sito istituzionale di Roma Capitale cliccando su questo link